Archivi categoria: CRESCITA PERSONALE

Per crescita personale si intende lo studio, la sperimentazione o pratica di varie discipline esoteriche e olistiche, che abbracciano tutte le possibili esperienze umane. L’attività primaria per dirsi “crescita personale” è quello del “lavoro su di se” che si insegnava nei tempi antichi al fine di preparare al meglio l’essere umano a saper vivere una vita dignitosa e armonica sia all’interno di se sia nella vita sociale o di gruppo. In questo blog la crescita personale è intesa come sviluppo delle potenzialità umane psicologiche e spirituali, ricercando ogni momento lo sviluppo dei propri talenti e tendenze personali e spirituali.

Come Amare Te Stesso

ama-te-stesso    Comincia così……..

Stop a tutti i criticismi

Il criticismo non cambia mai niente. Rifiuta di criticare te stesso. Accettati esattamente cosí come sei. Tutti cambiano. Quando ti critichi, i tuoi cambiamenti sono negativi. Quando ti approvi, sono positivi.

amare-se-stessi-1

Non spaventare te stesso

Smetti di terrorizzarti con i tuoi pensieri. È un terribile modo di vivere. Cerca un’immagine mentale che ti dia piacere (la mia sono le rose gialle), e immediatamente cambia il tuo allarmante pensiero in uno piacevole.

Sii sensibile, gentile e paziente

Sii sensibile verso te stesso. Sii gentile con te stesso. Sii paziente con te stesso mano a mano che acquisisci nuovi modi di pensare. Tratta te stesso come tratteresti qualcuno che realmente ami.

Sii gentile verso la tua mente

Odiarsi é soltanto odiare i propri pensieri. Non odiare te stesso quando hai quei pensieri. Dolcemente cambia i tuoi pensieri.

Elogia te stesso

Il criticismo abbatte il morale. L’elogio lo solleva. Elogiati il piú possibile. Dí a te stesso quanto sei bravo/a in ogni piccola cosa.

Sostieniti

Cerca i modi di sostenerti. Apriti agli amici e permetti loro di aiutarti, chiedere aiuto quando se ne ha bisogno é da forti.

Abbi amore verso le tue negatività

Riconosci che tu le hai create per sopperire delle carenze. Ora stai trovando nuovi modi positivi per ovviare a queste manchevolezze. Cosí con amore abbandona i precedenti schemi negativi.

cura_del_corpo

Abbi cura del tuo corpo

Impara qualcosa sulla nutrizione. Quale tipo di carburante il tuo corpo necessita per avere l’optimum di energia e vitalità.

spa_002

Informati sulla ginnastica. Che tipo di ginnastica ti farebbe più piacere? Cura e rispetta il tempio nel quale vivi.

Lavoro allo specchio

Lo_specchio

Guardati spesso negli occhi. Esprimi questo senso di amore che hai per te stesso. Manda a te stesso nello specchio il tuo perdono. Parla ai tuoi genitori guardando dentro lo specchio. Perdona anche loro. Perlomeno una volta al giorno dì: “Vi amo. Io veramente vi amo”.

donna-allo-specchio-100x100

Ama te stesso

Comincia subito e fallo meglio che puoi…………..Fiore_Loto

 

 

 

Psicologia del Cambiamento

testo_Robbins        Il Potere delle parole

Le parole sono uno strumento importante per comunicare le idee ed emozioni, nonché i nostri stati d’animo che sentiamo o abbiamo in ogni momento della giornata. Molte volte gli stati d’animo, possono farci felici, possono farci ridere oppure piangere, possono guarire o ferire, dipende da quale uso se ne fa.

Molte volte la scelta delle parole hanno la forza di modellare o cambiare finanche il destino.

Parole

Le parole spesso usate in modo maldestro, possono ferire profondamente oppure farci felici e guarire le delusioni o incomprensioni. Il più delle volte, senza nemmeno accorgersene ci troviamo ad usare paroledebilitanti o negative”, alimentando sensazioni o concetti che depotenziano la nostra energia vitale.

L’uso del “vocabolario trasformazionale  che ci suggerisce in questo testo il grande Antony Robbins, permette di dare forza o debilitare lo stato emozionale, sia negativo sia positivo.

Usare le parolepotenziantiper trasformare magicamente il proprio stato emotivo può essere un’arte, se seguite le via dellavoro su di secioè il potenziamento emozionale, l’uso cosciente di esse facendoci stare bene e sentirci emozionalmente sollevati. Questo metodo può essere una via iniziatica da seguire, abituandoci ad usarecoscientementequelle che infondono energia, per loro natura, emanando vibrazioni e frequenze positive, stimolanti o energizzanti.
Dunque usare una buona dose di parole potenzianti permette di dare forza al proprio stato emozionale, infondendo energia, forza, stimolo alla “volontà d’essere”.

bla_bla_bla1

Quando siamo coscienti e consapevoli del corretto uso dei vocaboli potenzianti, potremo controllare il potere dei nostri stati d’animo. Solo cambiando l’uso degli stessi potremo  vivere su frequenze energetiche stimolanti , infondendo al nostro interno amore per la vita e gioia per noi stessi.

Alcuni di noi, per esempio, non conoscono l’esperienza e il concetto della parolaNOIA, perché non esiste nella rappresentazione interiore di persone dinamiche, pertanto coloro che sono così formati, non hanno nel loro vocabolario interiore il concetto della noia, non avendola mai sperimentata. Se per esempio usando un insieme di parole, notate che vi infonde uno stato d’animo negativo, provate subito a sostituirle con altre parole che infondano energia, vedrete risultati entusiasmanti.

E’ chiaro che non ci si può solo limitare a cambiare le parole, ma è importante interrompere lo schema mentale ed emozionale negativo abbinato ad esse, proiettandolo ad un livello di vibrazione potenziante. Quindi se tutti ci sforzassimo un poco, usando SEMPRE in ogni circostanza termini che danno forza, energia, positività, stimolo creativo, si potrà vedere che magicamente la vita apparirà una avventura piena di colori e potrete gustarla al meglio……….. provare per credere!

Faccio solo brevi esempi:

Espressione emozionale negativa/positiva :

arrabbiato          =          deluso

ansioso                  =          un pò preoccupato

depresso            =            non proprio al massimo

 distrutto             =            a riposo

incazzato             =             impermalito

esausto                  =            da ricaricare

spaventato           =            incuriosito

frustrato                =            affascinato

ferito                        =             offeso

impaziente           =              pregustare

perduto                   =             alla ricerca

penoso                     =              scomodo

stressato                 =              impegnato

stupido                     =               poco informato

terribile                   =               diverso

Notate come cambia la rappresentazione interna solo con l’uso di parole potenzianti………

Se un gruppo di parole che usate abitualmente vi crea uno stato emozionale negativo, debilitante ecc. liberatevene subito!………e sostituitele con termini che vi infondano energia e benessere, questo può essere un primo piccolo passo evolutivo, nel lavoro su di se, trasformando la vostra vita come vorreste che fosse.
Provare per credere!

Dal nostro Formatore Mondiale Antony Robbins nel suo testo sopramenzionato..…….grazie infinite Antony

Robbins

 

Legge di Attrazione

leggi_divine     Accesso Prodigioso

Una delle 48 Leggi a cui siamo soggetti in questa dimensione terrestre è la famosa legge di “Attrazione”. Come sappiamo questa legge divina è stata oggetto di grande interesse in questi ultimi tempi, ma il metodo migliore per far sì che ci sia la corretta connessione con questa legge è l’ACCESSO PRODIGIOSO.

 cervello_03

Questo Accesso Prodigioso è la capacità di essere consapevoli di come ci troviamo ora a livello emotivo e durante il giorno. Monitorando coscientemente e con attenzione il nostro stato d’animo ci si accorge di come le emozioni entrano nella vita di ognuno di noi, e condizionano in bene e in male la nostra qualità di vita. Così facendo si raggiunge una dimensione quantica, che ci permette di Manifestare quello che VERAMENTE DESIDERIAMO che entri nella nostra vita.

Angeli_Amore

Da qui riusciamo a comprendere e capire il perché le cose ci vanno storte??

Si inizia così:

  • come stò in questo momento?
  • le emozioni che sto provando sono POSITIVE o NEGATIVE?

Se sono positive si è nella strada giusta, nel caso opposto è necessario correggere la ROTTA EMOZIONALE e riflettere così:

  • rendersi conto che spostando l’attenzione solo su scenari negativi si attrarrà per forza di cose proprio la negatività
  • allora capovolgete questo scenario che vi fa soffrire e visualizzate sensorialmente lo scenario ideale (i particolari che vedete, udite, le sensazioni, il dialogo interiore ecc.) man mano comincerete a stare meglio.
  • da principio può non riuscirvi subito, ma poi riprovandoci concentrando l’attenzione su comportarsi come se…..ho già trovato ….la soluzione…….e più lo fate e più la otterrete!!

Legge-di-Attrazione-www.RicchezzaVera-3

Dopo aver ripetuto questo esercizio per almeno 21 giorni di seguito, vi potrà accadere di sentirvi meglio, e le realtà intorno a voi cambieranno venendovi incontro come desiderate.

Mente quantica o cervello quantico?

Cervello e mente quantica cooperano, ma non sono la stessa cosa:

Il cervello è una antenna che intercetta gli impulsi intelligenti che provengono dalla mente dandogli forma.

La mente si trova in ogni cellula del corpo ed è non-locale, cioè esiste ovunque, per cui è consapevole non solo delle nostre funzioni biochimiche cellulari, ma anche di ciò che accade in ogni luogo.Per questo conoscere come siamo fatti e funzioniamo ci rende consapevoli e più coscienti…………

dolcezza_21120723803

 

Centri energetici o chakras e Pianeti

chakra1                  sistema-solare-2

Centri Energetici di Forza e Pianeti

La parola Chakra in Sanscrito significa Ruota ed è pure usata nei vari derivati e significati simbolici, proprio come nell’equivalente in inglese; noi parliamo della Ruota del Destino, il Buddhista parla della Ruota della vita e della morte e descrive il primo grande sermone, nel quale il Signore Buddha esponeva la sua dottrina come “Dhammachakkappavattana” (Chakra in Pali è equivalente a Chakra in Sanscrito), che il prof. Rhys Davis poeticamente traduce “porre in movimento la ruota del cocchio reale dell’impero della verità e della giustizia”. Questo è esattamente lo spirito del significato, che l’espressione suggerisce al buddhista devoto, benché la traduzione letterale delle semplici parole siail girare della ruota della Legge”.

L’uomo è un’anima e possiede un corpo, o meglio parecchi corpi sottili, poiché oltre al veicolo visibile con il quale egli compie le sue azioni in questo mondo inferiore, ne ha altri che non sono visibili alla vista comune, con i quali opera nel mondo emozionale e mentale.

     I Centri o Chakra         Funzioni_Chakra

I Chakra sono centri di forza, sono punti di connessione nei quali l’energia fluisce da un veicolo, o corpo, all’altro dell’uomo. Se i centri sono vivificati nell’essere umano vuol dire che è individuo risvegliato, e chi ha la vista superiore li può vedere come vortici radianti e brillanti, come dei soli in miniatura.

I centri o chakra principali sono 7, i primi 3 detti “superiori” formano un ponte tra l’uomo fisico e l’uomo spirituale, infatti esprimono i veri attributi del Se: VOLONTA’, AMORE E INTELLIGENZA CREATIVA. Questi sono il quinto o centro della gola, il sesto o centro del terzo occhio e riguarda la socialità, l’intelligenza, la mente, mentre il centro cardiaco o cuore o quarto centro, è il completamento, lo spirito armonizzato con gli altri livelli.

I tre centri detti “inferiori” riguardano la nostra animalità, il rapporto col cibo, la terra, la sessualità, l’emotività, che dovrebbero essere sperimentati, capiti, armonizzati e poi superati. Questi centri sono situati sotto il diaframma ma per trasformare le energie, elevandosi al livello spirituale è necessario passare attraverso il centro del CUORE, cioè superare il proprio EGO annullando se stessi per gli altri.

Chakra_pianeti

Il corpo umano ripropone in piccolo lo schema del sistema solare, infatti i pianeti sono in diretta armonia con il Sole e ognuno di loro ha un suo compito specifico, e smista l’energia solare.

Nel corpo umano le sette ghiandole fisiche legate energeticamente ai centri o chakra principali si occupano della trasformazione di energia, ognuna di esse dipende dall’encefalo. I fattori emotivi negativi influenzano il nostro metabolismo con conseguenze deleterie di malattie e disarmonie interiori. Ognuna controlla un centro di energia nel corpo eterico.

Chakra secondo la filosofia Indù

Secondo le teorie originali indù, il chakra 7 è detto chakra dai mille petali, perché contiene tutta la gamma dei colori e dei suoni dei mantra; la gamma dei colori è rappresentata dal bianco lunare. Il mille è usato come simbolo del tutto. Nello stesso tempo, rappresenta le 50 lettere sacre dell’alfabeto sanscrito (racchiuse nella totalità dei petali degli altri sei chakra), ripetute 20 volte (i 5 elementi grossi + i 5 elementi sottili + i 5 organi di percezione + i 5 organi d’azione).

Riporto il versetto del SATCHAKRA NIRUPANA:

Al di sopra di tutti questi, nel vuoto etere in cui risiedono Shankini nadi e Visarga, si trova il Loto dai mille petali. Questo fiore di loto lucente è più bianco della luna piena ed è rivolto in giù. Esso è attraente, le ciocche dei suoi filamenti brillano tinte di colore del Sole nascente, la sua sostanza è fatta di lettere, inizianti con la A ed è beatitudine assoluta”.

La scuola teosofica Adyar, nell’intento di creare una sintesi tra oriente e occidente, trasformò la filosofia dei chakra, grazie alle teorie di Leadbeater, associando il viola al settimo. Così furono cambiati i colori dei centri energetici e soprattutto fu stravolto l’intero sistema funzionale dei chakra.

I pianeti simbolicamente legati ai Chakra

 Chakra_3

 Ghiandola fisica collegata al centro spirituale

 7° Chakra della Corona o “centro coronario” o SAKASNARA

                          “IO SONO COLLEGATO AL DIVINO”

questo centro è legato al pianeta NETTUNO, al colore VIOLA ed è in corrispondenza della GHIANDOLA PINEALE.

Il settimo centro interessa la zona immediatamente soprastante il cranio e si trova incorrispondenza energetica con il colore VIOLA, che possiamo identificare nella tinta che assume il cielo nelle notti estive. Questo centro si chiama anche “LOTO DAI MILLE PETALI” e si trova alla sommità del capo, mette in comunicazione con le dimensioni superiori dello spirito, esso è collegato con l’armonizzazione globale delle varie dimensioni (materiale, intellettiva, spirituale), ma anche con la funzione di medium, intesa come capacità di entrare in contatto con lo spirito e divenire un “Ponte energetico” di comunicazione.

In positivo esprime: intuizione, equilibrio, unità, umiltà.

In negativo esprime: orgoglio, chiusura in se stessi, eccesso di razionalità.

Questo chakra è ben rappresentato dal pianeta NETTUNO e le sue espressioni psicologiche e spirituali all’interno di noi ricordano il collegamento con il “sesto senso” oppure dà doti profetiche e divinatorie, visto che è il chakra legato al periodo Atlantideo, e viene usato molto da guaritori e iniziati.

simbologia spirituale del pianeta e del chakra:

–       distacco dai legami terreni

–       elevato senso artistico

–       altissima sensibilità

–       intuizione e veggenza

ispira l’anima spingendola verso l’avventura alla ricerca di forme diverse (questo dà irrequietudine)

–       esce dalla normalità per andare verso paradisi artificiali

simbologia psicologica:

–       empatia

–       inconscio

–       fantasia

–       sensibilità estetica

–       vagare senza scopo

–       sensi di colpa

 Ci sono due modalità di espressione di Nettuno e sono:

  1. GRAN MAGNIFICO…….energia che tende a perdere i confini e porta al surreale amplificando le emozioni
  2. GRAN MALEFICO …… dà fuga dalla realtà, perdersi nelle illusioni, o tramite droghe e similari, oppure dà osservazione della realtà come un miraggio o Fata Morgana

Ghiandola_Pineale

 

Ghiandola fisica collegata al centro spirituale

6° Chakra  o “centro frontale tra le sopraciglia o terzo occhio” o AJNACHAKRA

                                     “IO VEDO”

questo centro è legato ai pianeti GIOVE e SATURNO, al colore INDACO ed è in corrispondenza energetica con la GHIANDOLA CORPO PITUITARIO. E’ responsabile del rapporto con gli altri. In particolare è direttamente associato all’irradiamento dell’amore che nasce dalla relazione intima con l’essere amato e allo sviluppo della visione olistica del mondo in cui tutte le creature sono unite da uno stretto legame.

Il sesto centro è situato nella zona della fronte e comprende: corteccia cerebrale, seni nasali, ipofisi, ipotalamo, cranio.

Il colore corrispondente è INDACO che troviamo per esempio nel mare profondo. Questo centro si chiama Terzo occhio e riguarda la vista interiore, in senso intellettuale e psichico; oltre alla visualizzazione è connesso alla capacità intellettiva del comprendere e di realizzare le proprie idee, aprirlo significa attivare “intuizione e chiaroveggenza”.

In positivo esprime: amore, pazienza, fiducia in se stessi e negli altri, tolleranza, dono disinteressato di se agli altri.

In negativo esprime: paura, ansietà, rifiuto di se e degli altri, cinismo, rancore.

Questa ghiandola pituitaria è legata simbolicamente dalla parte anteriore con Saturno e da Giove per la parte posteriore. Insieme governano questa ghiandola o chakra. Le loro espressioni psicologiche e spirituali all’interno di noi sono:

 SATURNO  = parola chiave: Spoliazione del superfluo

Ha l’incarico di liberarci dalla prigione interiore, dalle nostre passioni e istinti, è la leva della vita intellettuale, morale e spirituale.

 Espressione positiva – Saturno dà la visione impersonale della vita (legge cosmica distaccata). Esso ha il compito di tagliare il “cordone ombelicale” che lega alla madre o ai vincoli terreni. E’ il grande maestro formatore che spinge a far accettare le prove e le difficoltà della vita arrivando a raggiungere l’autonomia cosciente.

Espressione negativa – l’Essere che rifiuta di accettare questa legge di vita porta all’infantilismo, alla regressione,  all’ inadattabilità, quindi agli insuccessi.

GIOVE  = parola chiave: Inserimento ottimistico della vita, movimento del pensiero. Essendo legato simbolicamente al fegato, organo di digestione, collabora all’assorbimento ed elaborazione delle esperienze individuali.

Espressione positiva – Giove dà estrema indulgenza, funzione associativa, capacità di scambio, capacità di godere infine grande conciliatore essendo il rappresentante del senso di giustizia e di equanimità. Come grande Conciliatore integra la forza energetica vitale dei centri inferiori con quelli superiori

Espressione negativa – l’estrema tolleranza che diventa sregolatezza e /o eccessivo edonismo porta alla disarmonia energetica interiore, quindi alla sofferenza.

chakra2

Ghiandola fisica collegata al centro spirituale

 5° Chakra  o “centro faringeo” o gola o VISUDDA

                                        “IO COMUNICO”

questo centro è legato ai pianeti MERCURIO e VENERE, al colore AZZURRO ed è in corrispondenza energetica con la GHIANDOLA TIROIDE. E’ sede del desiderio di unione con l’altro, allo scopo di stabilire una relazione di scambio basata sulla fiducia, sull’autenticità e integrità.

Il quinto centro è situato nella zona del collo e della gola e comprende:laringe, tiroide, corde vocali, gola, vertebre. Questo centro si chiama anchecentro della golaè il centro della comunicazione, ci rende consapevoli della disponibilità verso le varie situazioni, dà il senso di AUTOSTIMA e della propria IDENTITA’ in ambito professionale.

In positivo esprime: comprensione e rispetto degli altri, espressione di se stessi.

In negativo esprime: introversione, intolleranza verbale, blocco dell’espressione.

I pianeti sono legati simbolicamente a livello energetico alla ghiandola Tiroide sono MERCURIO e VENERE e lavorano insieme.

Le loro espressioni psicologiche e spirituali all’interno di noi sono:

MERCURIO = parola chiave: comunicazione, intelligenza. Ha il compito di coordinaree armonizzare le energie degli altri pianeti e di utilizzarle in uno schema costruttivo armonioso.

Espressione positiva – funzione della curiosità e conoscenza del mondo, inoltrecome “coordinatore” tra Sole (emisfero sinistro)e Luna (emisfero destro) diventa ponte neurale è di vitale importanza, prendendo il nome di psicopompo.

Espressione negativa – incapacità di esprimersi correttamente, o anche ascoltare gli altri

VENERE = parola chiave: capacità d’amare ed entrare in relazione e di donarsi

Espressione positiva – funzione di ordine, bellezza, dosaggio, senso della misura e forma, nonché rispetto degli altri. Sentirsi in armonia col tutto e non più separati.

Espressione negativa – autopunirsi, sensi di colpa,  eccessiva timidezza, sfiducia in se stessi, invidia.

chakra2

Ghiandola fisica collegata al centro spirituale

4° Chakra  o “centro cardiaco” o cuore o Timo o ANAHATA

                                                “IO AMO”

questo centro è legato la funzione del pianeta SOLE, al colore VERDE ed è in corrispondenza energetica con la GHIANDOLA  TIMO. E’ la sede privilegiata di un cambiamento di coscienza che permette di offrire al prossimo tutto quello che abbiamo saputo sviluppare durante il processo di risveglio sui tre chakra inferiori.

Il quarto centro è situato nella zona toracica e comprende, cuore, polmoni, mammelle, timo, vertebre dorsali superiori. Questo centro si chiama anche “Plesso Cardiaco”, esprime l’amore cosmico, la capacità di amare gli altri in modo altruistico, di andare verso la vita. Il colore corrispondente è il VERDE di cui i prati di montagna costituiscono un ottimo esempio.

In positivo esprime: apertura, saper condividere, comunicazione con gli altri, spirito di collaborazione, responsabilità.

In negativo esprime: chiusura in se stessi, introversione, eccessiva disponibilità.

La sua espressione psicologica e spirituale all’interno di noi è:

SOLE = parola chiave: esperienza fondamentale della vita (casa o settore in cui cade)

Espressione positiva – capacità di provare sentimenti sinceri e profondi per gli altri, unità ed empatia; inoltre mente razionale, rapporto che si ha con se stessi, regalità dell’essere, chiarezza.

Espressione negativa – il lato ombra è lotta con l’Autorità e la perdita della Forza Onore  cadendo nell’Ego ignorante.

chakra2

 Ghiandola fisica collegata al centro spirituale

3° Chakra  o “centro ombelicale” o plesso solare  o MANIPURA

                                             “IO POSSO”

questo centro è legato alla funzione del pianeta LUNA al colore GIALLO ed è in corrispondenza energetica con la GHIANDOLA del PANCREAS. E’ legato allo sviluppo dell’IO personale cioè l’EGO inteso come espressione della manifestazione dell’identità.

Il terzo centro è situato nella zona ombelicale e comprende il plesso solare, il fegato, la vescica biliare, lo stomaco, la milza, il duodeno, il pancreas, la parte bassa dei polmoni, il midollo osseo, le arterie, le vene, le vertebre dorsali inferiori.

Questo centro si chiama anche “Plesso Solare”,ed è legato alla emotività, alla capacità di saper vivere e di collocarsi nell’universo, di comprendere le emozioni, attraverso questo centro si creano legami di dipendenza e si comunica telepaticamente.

In positivo esprime: coraggio, motivazione, creatività concettuale, organizzazione e realizzazione dei progetti.

In negativo esprime: apatia.

La sua espressione psicologica e spirituale all’interno di noi è:

LUNA = parola chiave: bisogni emotivi, mondo emozionale, memoria, immaginazione

Espressione positiva – funzione emotiva del periodo infantile, anatomicamente legata alla funzione digestiva e alla riproduzione, relazione con la figura di  accudimento cioè materna, tendenza all’azione positiva in armonia con le leggi dell’Universo

Espressione negativa – forte fusione emotiva con l’altro che diventa dipendenza affettiva/emotiva e identificazione, senso di vuoto, inadeguatezza, ansia,  autodistruzione, rifiuti emotivi danneggiano lo stomaco.

  chakra2

 

Ghiandola fisica collegata al centro spirituale

2° Chakra  o “centro sacrale” o centro sessuale o SVADISTANA

                                             “IO SENTO”

questo centro è legato alla funzione del pianeta PLUTONE al colore ARANCIONE ed è in corrispondenza energetica con il centro sessuale. (gonadi e ovaie). E’ la sede che si interessa del processo di valorizzazione e crescita di se.

Il secondo centro è situato nella zona sottombelicale e comprende l’intestino, le reni, i surreni e le vertebre lombari. In questo centro risiede la sessualità o creatività inferiore e corrisponde agli organi genitali. Questo centro è collegato con il desiderio (libido) e quindi con la sessualità, la capacità di vivere questa funzione, in particolare segnala la quantità e la qualità dell’energia sessuale, permette inoltre di entrare in contatto con gli altri e di percepire le loro emozioni.

In positivo esprime: emozioni, gioie intense, creatività artistiche, ottimismo, buon senso.

In negativo esprime: spirito critico e sarcastico, depressione, ipocondria, pessimismo, ipersensibilità, tristezza, autocompatimento, vittimismo.

La sua espressione psicologica e spirituale all’interno di noi è:

PLUTONE = parola chiave: principio maschile, sopravvivenza

Espressione positiva – centro energia sessuale e creativa legato alle emozioni primordiali e del piacere. Segue il flusso della vita e dei sentimenti, proviamo appagamento e senso di  completezza nelle relazioni sessuali. Senso del potere dell’inconscio.

Espressione negativa – difficoltà a lasciarsi andare all’esperienza emotiva, c’e solo pura soddisfazione sessuale. Tendenza alla depressione e alla negazione del piacere e/o mancanza di fiducia in se stessi, paura, panico.

 chakra2

 Ghiandola fisica collegata al centro spirituale

1° Chakra  o “centro radicale” o basico  o MULADARA

                                         “IO SONO”

questo centro è legato alla funzione del pianeta MARTE  al colore ROSSO ed è in corrispondenza energetica con le “ghiandole surrenali”.

Il primo centro è situato nella zona del bacino e comprende l’osso sacro e gli organi sessuali. E’ la sede dove si forma il proprio EGO  o Se personale ed è legato alla scoperta del mondo esterno e del processo di radicamento nella materia fisica, e se non è sviluppato armoniosamente può dare origine a profonde angosce esistenziali. Questo centro è collegato alla vitalità, la forza che permette di vivere esperienze, del piano materiale ed è legato alla voglia di vivere, alla autoaffermazione o volontà egoistica.

Il colore corrispondente è il ROSSO, che in natura troviamo nei papaveri.

In positivo esprime: volontà, determinazione, combattività, sessualità, affermazione di se nel rispetto degli altri.

In negativo esprime: collera, autoritarismo, lussuria, perversione, spirito vendicativo, aggressività, ribellione, ricerca di potere, decisionismo, sottomissione.

La sua espressione psicologica e spirituale all’interno di noi è:

MARTE = parola chiave: predispone al coraggio, impulsi morali e inconsci

Espressione positiva – energia che va “verso” la conquista di ciò che desidera Venere,  affermazione personale dell’IO, forza fisica elevata, energia vitale creativa.

Espressione negativa – bisogno di possedere senza dare in cambio nulla, senso di difficoltà da affrontare, non si è nel QUI ORA, si è fuori dalla realtà. Si vive la vita angosciata e ansiosa. Si tende alla prevaricazione e questo significa “impotenza inconscia”.

 Funzioni_Chakra

 

 

 

 

 

MANGIARE CIBI CHE DANNO SERENITA’

shoukei_matsumoto          KEISUKE MATSUMOTO

Monaco Buddhista

CERCARE DI MANGIARE CIBI CHE DANNO SERENITA’

A cosa prestate attenzione quando fate la spesa? Io alla scadenza e al prezzo, ovviamente, ma anche al luogo di provenienza della merce e al modo in cui è stata prodotta. Mangiare è un’azione fondamentale e delicata per l’essere umano in quanto ingerendo i cibi incorpora qualcosa dentro di sé. La dieta buddhista è fondamentalmente vegetariana e molti pensano che sia vietato mangiare carne. In realtà si dice che il Buddha stesse mangiando carne quando ottenne il risveglio, o meglio del riso cotto nel latte offertogli da una ragazza di nome Sujãta. Il latte, come ben sapete, è un prodotto di origine animale, ma quando viene offerto dai credenti, così come la carne, va mangiato. Secondo una leggenda buddhista morì a causa di carne guasta che gli era stata offerta. Un precetto buddhista, il fusesshõkai, dice di non uccidere altri esseri viventi ma non di astenersi dal mangiare carne. I casi in cui questo divieto sono i seguenti:

  1. quando si assiste all’uccisione dell’animale
  2. quando un animale viene macellato appositamente per l’ospite
  3. quando dubitiamo dell’una e dell’altra eventualità.

E’ comunque maleducazione rifiutare il cibo che ci viene offerto. Dunque , la questione non è cosa mangiamo ma quale è il nostro stato d’animo mentre mangiamo. Dobbiamo essere sempre riconoscenti per il cibo di cui ci nutriamo e mai darlo per scontato. Per noi giapponesi è naturale fare gasshõ e dire “itadakimasu” (grazie per questo cibo) prima di mangiare: è una usanza che andrebbe esportata, perché ogni piatto che mangiamo è costituito da tante forme di vita.  Gli ingredienti, come sono presentati nei supermercati, sono spersonalizzati, ma latte e uova, ad esempio, sono alimenti di origine animale, non dimenticatelo.

nuova-piramide

 

Un’ultima notazione sulla parola “itadakimasu”: letteralmente significa “ricevere la vita”. Credo sia importante divulgare questo concetto, anche ai più piccoli. Esercizio: ESSERE RICONOSCENTI PER IL CIBO DI TUTTI I GIORNI Si dice che ai giapponesi non piaccia discutere e amino lavorare in gruppo. Credo che queste caratteristiche siano dovute al nostro regime alimentare. Mangiare in modo sano, soprattutto verdure, è tipico della dieta buddhista e contribuisce alla salute del corpo e mente. Un pasto delicato influenza positivamente l’anima, tranquillizzandola. Molti studiosi sostengono che mangiare bistecche aumenti l’aggressività. Recentemente si è sviluppata anche in Giappone la moda dei fast food ristoranti dove si mangiano in fretta cibi saporiti forti e il cui punto di forza sono i prezzi contenuti. Capita anche a me, quando ho fretta, di mangiare hamburger, patatine e cola; ciò che mi stupisce, in tali circostanze, è che mi dimentico sempre di dire “itadakimasu”. Non dobbiamo mai dimenticare che ciò che mangiamo nutre il nostro corpo e il nostro spirito: anche quando ci sembra di non avere tempo, ricordiamoci di fare “gasshõ” e direitadakimasu, consapevoli che il cibo è un dono.

Oltre a questo è importante alimentarsi di cibi alcalini in modo da mantenere l’equilibrio ACIDO-BASICO fattore PH del sangue, al fine di mantenere il corpo in un ambiente ben ossigenato, facendo regredire le malattie.

 

cibi_salutari